Gabriele D’Annunzio

La loggia – Gabriele D’Annunzio

La loggia – Gabriele D’Annunzio

La loggia – Gabriele D’Annunzio Settembre, il tuo minor fratello Aprile fioriva le vestigia di San Marco a Capodistria, quando navigammo il patrio mare cui Trieste addenta cò i forti moli per tenace amore. Capodistria, succiso adriaco fiore! Io vidi nella loggia d’un palagio nidi d... »

Il vulture del sole – Gabriele D’Annunzio

Il vulture del sole – Gabriele D’Annunzio

Il vulture del sole – Gabriele D’Annunzio S’io pensi o sogni, se tal volta io veda quasi vampa tremar l’aria salina, se nel silenzio oda piombar la pina sorda, strider la ragia nella teda, sonar sul loto la palustre auleda, istrepire il falasco e la saggina, subitamente del m... »

La sera fiesolana – Gabriele D’Annunzio

La sera fiesolana – Gabriele D’Annunzio

La sera fiesolana – Gabriele D’Annunzio Fresche le mie parole ne la sera ti sien come il fruscio che fan le foglie del gelso ne la man di chi le coglie silenzioso e ancor s’attarda a l’opra lenta su l’alta scala che s’annera contro il fusto che s’inargenta con le sue rame spoglie mentre ... »

Un ricordo – Gabriele D’Annunzio

Un ricordo – Gabriele D’Annunzio

Un ricordo – Gabriele D’Annunzio Io non sapea qual fosse il mio malore né dove andassi. Era uno strano giorno. Oh, il giorno tanto pallido era in torno, pallido tanto che facea stupore. Non mi sovviene che di uno stupore immenso che quella pianura in torno mi facea, cosí pallida in quel ... »

La sabbia del tempo – Gabriele D’Annunzio

La sabbia del tempo – Gabriele D’Annunzio

La sabbia del tempo – Gabriele D’Annunzio Come scorrea la calda sabbia lieve per entro il cavo della mano in ozio in cor sentì che il giorno era più breve. E un’ansia repentina il cor m’assale per l’appressar dell’umido equinozio che offusca l’oro delle piagge salse. Alla sabbia del Temp... »

Carnevale vecchio e pazzo – Gabriele D’Annunzio

Carnevale vecchio e pazzo – Gabriele D’Annunzio

Carnevale vecchio e pazzo – Gabriele D’Annunzio Carnevale vecchio e pazzo s’è venduto il materasso per comprare pane e vino tarallucci e cotechino. E mangiando a crepapelle la montagna di frittelle gli è cresciuto un gran pancione che somiglia a un pallone. Beve e beve e all’... »

L’ala sul mare – Gabriele D’Annunzio

L’ala sul mare – Gabriele D’Annunzio

L’ala sul mare – Gabriele D’Annunzio Ardi, un’ala sul mare è solitaria. Ondeggia come pallido rottame. E le sue penne, senza più legame, sparse tremano ad ogni soffio d’aria. Ardi, veggo la cera! E’ l’ala icaria, quella che il fabro della vacca infame foggiò... »

I pastori – Gabriele D’Annunzio

I pastori – Gabriele D’Annunzio

I pastori – Gabriele D’Annunzio Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all’Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti. Han bevuto profondamente ai fonti alpestri, che sapor... »

La pioggia nel pineto – Gabriele D’Annunzio

La pioggia nel pineto – Gabriele D’Annunzio

La pioggia nel pineto – Gabriele D’Annunzio Taci. Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane; ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane. Ascolta. Piove dalle nuvole sparse. Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove sui pini scagliosi ed irti, piove su i ... »

Canta la gioia – Gabriele D’Annunzio

Canta la gioia – Gabriele D’Annunzio

Canta la gioia – Gabriele D’Annunzio Canta la gioia! Io voglio cingerti di tutti i fiori perché tu celebri la gioia la gioia la gioia, questa magnifica donatrice! Canta l’immensa gioia di vivere, d’esser forte, d’essere giovine, di mordere i frutti terrestri con saldi e... »

Lungo l’affrico – Gabriele D’Annunzio

Lungo l’affrico – Gabriele D’Annunzio

Lungo l’affrico – Gabriele D’Annunzio Grazia del ciel, come soavemente ti miri ne la terra abbeverata, anima fatta bella dal suo pianto! O in mille e mille specchi sorridente grazia, che da nuvola sei nata come la voluttà nasce dal pianto, musica nel mio canto ota t’effondi, ... »

In sul vespero – Gabriele D’Annunzio

In sul vespero – Gabriele D’Annunzio

In sul vespero – Gabriele D’Annunzio In sul vespero, scendo alla radura. Prendo col laccio la puledra brada che ancor tra i denti ha schiuma di pastura. Tanaglio il dorso nudo, alle difese; e per le ascelle afferro la naiàda, la sollevo, la pianto sul garrese. Schizzan di sotto all’... »

Notte bianca – Gabriele D’Annunzio

Notte bianca – Gabriele D’Annunzio

< div dir=”ltr” style=”center”>Notte bianca – Gabriele D’Annunzio La mia lunga romanza in mi minore va per la calma de la notte bianca: io son già fioco, la chitarra è stanca; ma voi non ascoltate, e il canto muore. Vi traggono, Madonna, i sogni a ‘l fium... »

O falce di luna calante – Gabriele D’Annunzio

O falce di luna calante – Gabriele D’Annunzio

O falce di luna calante – Gabriele D’Annunzio O falce di luna calante che brilli su l’acque deserte, o falce d’argento, qual mèsse di sogni ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! Aneliti brevi di foglie, sospiri di fiori dal bosco esalano al mare: non canto non grido non suono pe ’l vast... »

Ottobrata – Gabriele D’Annunzio

Ottobrata – Gabriele D’Annunzio

Ottobrata – Gabriele D’Annunzio Ridono tutte in fila le linde casette ne ‘dolce sole ottobrino, quale colore di rosa, qual bianca, come tante comari vestite de l’novo bucato a festa, sembianti a de’ crani spelati, e sbadiglian da qualche fessura uno stupido riso a lR... »

Rimani – Gabriele D’Annunzio

Rimani – Gabriele D’Annunzio

Rimani – Gabriele D’Annunzio Rimani! Riposati accanto a me. Non te ne andare. Io ti veglierò. Io ti proteggerò. Ti pentirai di tutto fuorchè d’essere venuto a me, liberamente, fieramente. Ti amo. Non ho nessun pensiero che non sia tuo; non ho nel sangue nessun desiderio che non sia... »

Nella belletta – Gabriele D’Annunzio

Nella belletta – Gabriele D’Annunzio

Nella belletta – Gabriele D’Annunzio Nella belletta i giunchi hanno l’odore delle persiche mézze e delle rose passe, del miele guasto e della morte. Or tutta la palude è come un fiore lutulento che il sol d’agosto cuoce, con non so che dolcigna afa di morte. Ammutisce la rana... »